Assemblea Federalberghi Umbria, proposte concrete per lo sviluppo del turismo

giovedì 3 ottobre 2019 10:42:33
L'Assemblea Federalberghi Umbria, riunita a Todi, ha redatto un documento che sarà sottoposto a tutti gli schieramenti in campo in vista delle elezioni regionali, con proposte concrete per lo sviluppo del turismo.
Gli imprenditori di Federalberghi Umbria, riuniti a Todi per una Assemblea dei delegati da tutta la regione, hanno approvato un documento di analisi e proposte per lo sviluppo del turismo, che sottoporranno a tutti gli schieramenti in campo in vista delle prossime elezioni regionali.

Tante le potenzialità, ma anche le criticità, di un settore che può essere da traino per l’intera economia, se dovutamente supportato da politiche forti e lungimiranti. Per questo, Federalberghi proporrà ai candidati alla presidenza della Regione una serie di proposte molto serie e concrete.

Gli imprenditori della principale organizzazione imprenditoriale del settore turistico-ricettivo in Italia e in Umbria hanno anche espresso con legittimo orgoglio i propri auguri e congratulazioni al candidato presidente Vincenzo Bianconi, che nei giorni scorsi si è autosospeso dalla presidenza di Federalberghi Umbra e da tutte le cariche in Confcommercio, per la nuova avventura intrapresa dopo una lunghissima e brillante militanza nell’associazionismo di impresa. Sottolineando, allo stesso tempo, il carattere apartitico e libero da qualsiasi condizionamento politico di Federalberghi, associazione che intende confrontarsi con tutti, come ha sempre fatto, per cercare di superare le molte criticità che frenano il settore.

Lavorare nel mondo della ricettività è molto duro”, dicono gli imprenditori di Federalberghi. “Troppi i balzelli fiscali, le irregolarità intollerabili dovute all’abusivismo dilagante, in uno scenario internazionale che ci sottopone ad una competizione feroce. Ma noi imprenditori siamo e restiamo comunque ottimisti, e in qualche modo riusciamo ad andare avanti, producendo anche risultati di valore per l’economia di casa nostra. Però c’è molto da fare e noi vogliamo far sentire la nostra voce”.


Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione