Imprese ICT determinanti per l’innovazione e lo sviluppo dell’Umbria

venerdì 14 luglio 2017 17:12:09
Importante riconoscimento da parte dell'assessore regionale all’Agenda digitale Antonio Bartolini in occasione della giornata di incontri con le aziende locali dell’Information Technology aderenti al progetto Eutopia.

L’Umbria potrebbe diventare una nuova Silicon Valley, perché oggi il modello cosiddetto “dual mode” sempre più diffuso tra i giganti dell’innovazione, è produrre laddove la qualità della vita è elevata e il costo del lavoro più contenuto, mantenendo “avamposti” decisionali e strategici nei grandi centri di business. 

L’idea-provocazione lanciata da Andrea Cruciani di TeamDev è una delle tante emerse in occasione della mattinata di incontri che l’assessore regionale all’Innovazione e all’Agenda Digitale Antonio Bartolini ha avuto a Perugia con le imprese dell’Information e Communication Tecnology aderenti al progetto Eutopia.


Organizzata da Assintel Umbria, l’associazione delle imprese ICT aderente a  Confcommercio, la fitta sere di appuntamenti denominata “Meet Innovation” ha avuto l’obiettivo di presentare all’assessore competente, nei propri ambiti operativi, le potenzialità e professionalità delle imprese umbre che investono nell’innovazione digitale e che sono protagoniste attive di progetti finalizzati a dare al territorio nuovi fattori di competitività. 
Un percorso che si è snodato lungo tutta la mattina: dopo le visite a Promovideo, Gruppo PA e Present Systems, Bartolini ha incontrato presso la sede del Polo Formativo Confcommercio Umbria (nella foto) Mario Conte, Nexus & Soci, Osmosit, Simmat, TeamDev, Tinia.

Realtà con diverse competenze, ma tutte espressione di un comparto - le imprese che investono in innovazione in Umbria - che vuol avere  un ruolo da protagonista nello sviluppo della regione e rivendica il riconoscimento delle proprie professionalità e capacità progettuali perché rappresentano una ricchezza per il territorio.

“Eutopia – ha spiegato il presidente di Assintel Umbria Roberto Palazzetti – nasce dall’obiettivo di creare territori intelligenti e di mettere insieme imprese grandi e piccole in un sistema aggregato che si rapporta alle istituzioni non solo chiedendo, ma facendo proposte, nel caso specifico in relazione al progetto ITI del Trasimeno”.

“Ci sono risorse importanti e capaci in Umbria nel settore dell’innovazione – hanno evidenziato ad una sola voce all’assessore Bartolini gli imprenditori presenti  –  che possono alimentare grandi progetti e che vanno coinvolte, piuttosto che cercare altrove”.

Sollecitazioni prontamente raccolte dall’assessore Bartolini, che ha stimolato i presenti a fare richieste concrete circa il ruolo che la Regione dovrebbe svolgere: “Ho potuto apprezzare – ha detto al termine della giornata – una realtà del settore digitale molto viva, variegata, che opera in ambiti strategici e poco conosciuta, che va valorizzata attraverso un approccio di sistema. Compito della Regione è seminare su un terreno fertile e che possa dare frutti, e questo terreno c’è. Le risorse legate all’Agenda Digitale sono un importante strumento per lavorare su questo fronte, e incontri come questi servono a tararne meglio la destinazione”.

Un altro tema sul quale c’è stata piena convergenza tra Bartolini e le imprese ICT Assintel Confcommercio è l’importanza della formazione e della integrazione della stessa con il mondo delle imprese, per creare le figure professionali che servono davvero al mercato. Che è appunto l’obiettivo di Business Campus, primo e più autorevole Centro di Formazione in Italia nell’Information and Communication Technology, nato da Assintel e Confcommercio, punto di riferimento scientifico e culturale di settore per identificare e anticipare le future opportunità professionali e rafforzare le attitudini personali e imprenditoriali.

 

Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione