Parcheggi, primo risultato della protesta durissima di Confcommercio e Federalberghi di Assisi

lunedì 21 gennaio 2019 13:27:34
La durissima protesta contro l'iniziativa di Saba Italia, intenzionata ad introdurre un ennesimo balzello a carico degli imprenditori di Assisi, ha avuto un primo riusultato positivo. L'amministrazione comunale, infatti, si è subito schierata a fianco di Confcommercio e Federalberghi definendo "arbitraria" l'iniziativa della concessionaria e invitandola ad "astenersi" dall'applicarla.
Nei giorni scorsi, Confcommercio e Federalberghi di Assisi avevano diramato un duro comunicato stampa per denunciare quanto accaduto. Ecco il testo del comunicato.

Non basta che facciano la loro parte per limitare il traffico accogliendo i turisti con i loro mezzi nei parcheggi di proprietà del Comune. Ora, per la sosta di pochi minuti - il tempo di far salire sulle navette i turisti, che pagano regolarmente il parcheggio, per portarli verso i rispettivi hotel - gli imprenditori di Assisi si sono visti proporre da Saba Italia, la concessionaria per la gestione dei parcheggi ad Assisi, una convenzione capestro, ritenuta inaccettabile.

“Riceviamo da giorni segnalazioni e proteste da parte dei nostri associati”, dicono i responsabili di Confcommercio Assisi e Federalberghi Vincenzo Di Santi e Simone Fittuccia. “A tutti sta arrivando una mail inviata da Saba Italia relativa a una nuova convenzione per il carico e scarico dei clienti diretti alle strutture ricettive nelle aree di sosta riservate dei parcheggi comunali in convenzione alla stessa società. Naturalmente la convenzione proposta ha un costo: 200 euro annue per ciascun pass”.

Confcommercio Assisi e Federalberghi contestano alla società Saba, nel modo più categorico, la richiesta di questa convenzione e chiedono al Comune di Assisi, in quanto proprietario dei parcheggi, di tutelare gli imprenditori nei confronti di chi ragiona solo in maniera ragionieristica per fare cassa.

“Siamo stanchi di tasse e balzelli! La proposta di questa convenzione – affermano Di Santi e Fittuccia - non è ricevibile e il Comune ci deve affiancare in questa battaglia.
Il mondo ricettivo offre un servizio di accoglienza ai turisti che scelgono la città di Assisi: li ricevono al loro arrivo, evitano di far circolare inutilmente le auto dei turisti in città, si mettono a disposizione con i propri mezzi e a proprie spese. Non può accettare un ulteriore balzello!”


Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione