Per i turisti comprare casa in Umbria è un vero affare

lunedì 6 agosto 2018 15:48:01
I dati dell’Osservatorio Fimaa-Confcommercio: nella nostra regione forte diminuzione dei prezzi per le case ad uso vacanze.  Un mercato promettente  "frenato" dalla burocrazia. 

La bellezza sarà di certo la motivazione principale,  ma i turisti che scelgono l’Umbria per acquistare una casa al lago, nelle zone di montagna o nelle città hanno una motivazione fondamentale nel prezzo.

Secondo i dati, appena resi noti, dell’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2018 di FIMAA-Confcommercio (Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari), con la collaborazione della Società di Studi Economici NOMISMA,  che  ha “fotografato” l’andamento del mercato 2018 delle case per vacanza in Italia,  le località dell’Umbria sono quelle che hanno fatto registrare la diminuzione maggiore a livello nazionale (-4,5%)  rispetto ai prezzi del 2017. Il dato medio nazionale fa segnare una flessione annua pari a -2,5%.

I prezzi medi di compravendita in Umbria non solo sono sensibilmente diminuiti nell’anno in corso rispetto al precedente, ma sono anche al di sotto della media nazionale di 1,9 punti percentuali. Nelle principali località turistiche della regione, per case uso vacanze nuove e di livello top, si va da un minimo di 1200 ad un massimo di 2.800 euro al metro quadro. Per case non nuove ma in zone centrali, si va da un minimo di 900 ad un massimo di 2.200 euro al metro quadro. Per l’usato di periferia, i costi vanno da un minimo di 600 ad un massimo di 1200 al metro quadrato.  Tra le città turistiche, quelle dove acquistare costa mediamente di più per ogni tipologia di abitazione sono Perugia, Assisi e Orvieto.

Insomma, nonostante il mercato sia in ripresa, investire nel mattone in Umbria conviene ancora moltissimo per il livello dei prezzi: a chi vuol acquistare una casa per le vacanze, ma anche  per uso abitativo.
 “La redditività del mattone è ancora molto alta – conferma il presidente di FIMAA Umbria Confcommercio Fabio Dominici – anche perché i prezzi delle locazioni in proporzione sono scesi molto meno rispetto ai prezzi di acquisto, e quindi comprare una abitazione per poi  affittarla garantisce un ottimo ritorno”.

Per quanto riguarda la  provenienza degli stranieri che acquistano case ad uso vacanze nella nostra regione, se storicamente erano in prima fila olandesi, inglesi, tedeschi e  belgi, oggi si affacciano nuove nazionalità, provenienti dall’Asia o dal Medio Oriente. Un ostacolo allo sviluppo di questo mercato purtroppo c’è, e si chiama burocrazia. “Specie per chi proviene dai paesi anglosassoni o del Nord Europa – spiega Dominici – la burocrazia rappresenta  un elemento di forte dissuasione, e a questo andrebbe posto rimedio”.

Parlando di stranieri o di non umbri, oltre ai “vacanzieri” una voce molto importante nel mercato immobiliare perugino è ovviamente rappresentato dagli studenti delle due Università. “Dopo il periodo nero successivo al delitto Meredith, che provocò anche una forte diminuzione di iscrizioni agli atenei  – conclude il presidente FIMAA - il mercato ha progressivamente recuperato e oggi, sia pure non ancora ai livelli dei tempi d’oro, è comunque piuttosto vivace e in crescita costante, e questo fa ben sperare”.  

      

 

Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione