Ammortizzatori sociali, chiarimenti e altre 8 settimane di FIS | Confcommercio
Ammortizzatori sociali, chiarimenti e altre 8 settimane di FIS

Ammortizzatori sociali, chiarimenti e altre 8 settimane di FIS

Ministero del Lavoro e Inps sono intervenuti per chiarire alcuni aspetti della riforma degli ammortizzatori sociali. Per informazioni più dettagliate, chiama l’Area Lavoro di Confcommercio Umbria.
martedì 22 Marzo 2022 | iconCONDIVIDI iconSTAMPA

Cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale o riorganizzazione per transizione digitale ed ecologica

Il ministero del Lavoro è intervenuto con chiarimenti operativi volti a indirizzare e ad agevolare le imprese nelle ipotesi di istanze di CIGS per la causale di crisi aziendale e riorganizzazione per transizione digitale ed ecologica.
La riforma degli ammortizzatori sociali ha infatti esteso le tutele di CIGS Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria anche alle imprese che abbiano occupato nel semestre precedente più di 15 dipendenti, che non siano soggette alla CIGO Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria o a Fondi Bilaterali, a prescindere dal settore di riferimento.

Chiama gli esperti dell’Area Lavoro di Confcommercio Umbria per ulteriori informazioni e assistenza.

 

Durata massima del FIS Fondo d’Integrazione Salariale

L’Inps ha precisato che per calcolare la durata massima del FIS dovranno essere presi in considerazione non le settimane di calendario intere, ma le singole giornate di sospensione.
Sarà quindi considerata come fruita una settimana intera solo quando la contrazione di lavoro abbia interessato sei o cinque giorni.

L’Assegno di Integrazione salariale presenta due tipi di durata massima, a seconda della dimensione occupazionale dell’azienda:

  • media nel semestre precedente fino a 5 dipendenti: 13 settimane – pari a 65 giornate di effettivo utilizzo per orario di lavoro settimanale distribuito su 5 giorni, a 78 su 6 giorni.
  • media nel semestre precedente più di 5 dipendenti: 26 settimane – pari a 130 giornate di effettivo utilizzo per orario di lavoro settimanale distribuito su 5 giorni oppure pari a 156 su 6 giorni.

L’inps ha confermato, inoltre, la possibilità di avviare licenziamenti individuali o plurimi per motivi economici nelle unità produttive non interessate da ammortizzatori sociali.

 

Decreto “Ucraina”: altre 8 settimane di FIS per alcune categorie di imprese

Il decreto “Ucraina”, appena pubblicato, tiene conto anche degli effetti che il conflitto sta avendo sul comparto del turismo. Prevede infatti, per alcune tipologie di aziende che occupano fino a 15 dipendenti (con il codice Ateco sotto indicato), una volta esaurite le settimane di FIS a disposizione, la possibilità di chiedere altre 8 settimane entro il 31 dicembre 2022.

I codici Ateco interessati sono i seguenti:

  • Alloggio (codici ateco 55.10 e 55.20)
  • Agenzie e tour operator (codici ateco 79.1, 79.11, 79.12 e 79.90)
  • Stabilimenti termali (codici ateco 96.04.20)
  • Ristorazione su treni e navi (codici ateco 56.10.5)
  • Sale giochi e biliardi (codici ateco 93.29.3)
  • Altre attività di intrattenimento e divertimento (sale bingo) (codici ateco 93.29.9)
  • Musei (codici ateco 91.02 e 91.03)
  • Altre attività di servizi connessi al trasporto marittimo e per vie d’acqua (codici ateco 52.22.09)
  • Attività di distribuzione cinematografica, di video e di programmi televisivi (codici ateco 59.13.00)
  • Attività di proiezione cinematografica (codici ateco 59.14.00
  • Parchi divertimenti e parchi tematici (codici ateco 93.21)

Fipe Confcommercio è intervenuta chiedendo che anche le imprese dei pubblici esercizi ora escluse siano ricomprese nelle misure previste in tema di Cassa Integrazione al fine di salvaguardare l’occupazione assicurando anche ulteriori risorse per il finanziamento degli stessi ammortizzatori sociali, senza alcun onere aggiuntivo per le imprese.

 

RIFORMA AMMORTIZZATORI SOCIALI, “SERVONO INTERVENTI MIRATI PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO”

Info e contatti

Area Lavoro – Confcommercio Umbria

dott.ssa Martina Sacchetti – tel. 075 506711