Decreto capienze, nuove regole per discoteche, cinema, teatri | Confcommercio
Decreto capienze, nuove regole per discoteche, cinema, teatri

Decreto capienze, nuove regole per discoteche, cinema, teatri

Entra in vigore oggi il decreto approvato il 7 ottobre dal Consiglio dei ministri: "Disposizioni urgenti per l’accesso alle attività culturali, sportive e ricreative".
lunedì 11 Ottobre 2021 | iconCONDIVIDI iconSTAMPA

Con il decreto capienze si allenta ulteriormente le strette anti-Covid, riportando al 100%, in zona bianca, la capienza di cinema e teatri. Il provvedimento prevede anche la riapertura delle discoteche, con capienza che “non può comunque essere superiore al 75% di quella massima autorizzata all’aperto e al 50% al chiuso”.

Nel settore degli spettacoli – cinema, teatri, concerti – la capienza sarà al 100%, sia al chiuso che all’aperto.

Per gli eventi sportivi sarà possibile riempiere gli impianti al 60% al chiuso e al 75% all’aperto. Per accedere in tutti questi luoghi sarà obbligatorio esibire il Green Pass. Le nuove disposizioni entrano in vigore lunedì 11 ottobre. In caso di violazione delle regole su capienza e green pass dalla seconda violazione scatterà la sanzione della chiusura.

Ma vediamo nel dettaglio le nuove disposizioni.

 

Teatri, cinema, concerti

In zona bianca, per gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, la capienza consentita è del 100 per cento di quella massima autorizzata sia all’aperto che al chiuso.

Soddisfatti gli imprenditori di ANEC Umbria, l’associazione che rappresenta la quasi totalità dei cinema indipendenti umbri, recentemente entrata in Confcommercio: “Si tratta di un segnale estremamente positivo per il pubblico e la ripartenza. Ora è tempo di andare avanti sugli ulteriori obiettivi per tornare nel più breve tempo possibile alla piena condivisione della esclusiva esperienza che solo il grande schermo sa dare”.

L’accesso a cinema, teatri, concerti è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19.

 

Discoteche

La capienza nelle sale da ballo, discoteche e locali assimilati non può essere superiore al 75% di quella massima autorizzata all’aperto e al 50% al chiuso, nel rispetto dei protocolli e delle linee guida di settore.

Nei locali al chiuso deve essere garantita la presenza di impianti di aerazione senza ricircolo dell’aria. Deve essere rispettato l’obbligo di indossare le mascherine, a eccezione del momento del ballo.

Per Silb Fipe Confcommercio si tratta di “un risultato importante“, come sottolinea il presidente nazionale Maurizio Pasca: “Accogliamo con soddisfazione la decisione dell’Esecutivo che ha recepito le nostre istanze e ha aumentato la capienza delle discoteche al 50%.  Ora è arrivato il momento di ripartire in totale sicurezza. Da parte nostra non possiamo che garantire controlli rigorosi, attenzione e la massima professionalità per tornare a vivere la socialità nei nostri locali in maniera sicura”.

Il Comitato tecnico-scientifico aveva dato, lo scorso 5 ottobre, il sospirato via libera alla riapertura delle discoteche in zona bianca, suggerendo però un limite di capienza più severo: 35% al chiuso e 50% all’aperto. Un limite che era stato definito “inaccettabile” dal Silb, Sindacato italiano dei locali da ballo aderente a Fipe-Confcommercio.

 

Musei

Nelle strutture museali è stata eliminata la distanza interpersonale di un metro.

 

Sport

Pubblico a eventi e competizioni sportive. La capienza consentita non può essere superiore al 75% di quella massima autorizzata all’aperto e al 60% al chiuso.

 

Sanzioni

A partire dalla seconda violazione relativa alla capienza consentita o al possesso del Green Pass, commessa in giornata diversa dalla prima, oltre alla sanzione pecuniaria da 400 a 1.000 euro, è prevista la chiusura del locale da uno a dieci a giorni.

 

Info e contatti

Area Normativa Confcommercio Umbria
dott.ssa Michela Martini
075 506711

Mandamenti territoriali